venerdì 12 aprile 2013

Umbria: il friccò all'eugubina

Il friccò è un piatto tipico della città di Gubbio ed è una specie di stufato (anche se non è il termine più adatto, visto che il risultato è più simile alla carne alla cacciatora) composto principalmente da carni bianche.
Ne esistono diverse varianti a seconda del tipo di carne che si sceglie di usare. 
Molto diffuso è il friccò di pollo, ma esiste anche di anatra, di coniglio o di agnello e, non di rado, si prepara con queste carni miste.
Questo piatto fa parte della tradizione popolare di questa zona ed è spesso servito come seconda portata durante il pranzo di Natale.
Solitamente viene accompagnato dalla crescia o dalla torta al testo, tipici pani umbri.
Vediamo come si prepara il friccò all'eugubina.

Friccò all'eugubina

Ingredienti per 4 persone:
  • 1 kg di carni miste (pollo, coniglio, agnello, anatra) o di un solo tipo
  • 3 spicchi d'aglio
  • olio extra vergine d'oliva
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 3-4 pomodori pelati
  • rosmarino q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
Tagliate la carne a pezzetti più o meno della stessa grandezza, lavateli per eliminare eventuali schegge e asciugateli con della carta assorbente.
Fate scaldare in un tegame dai bordi alti (magari di terracotta se l'avete) un po' dolio d'oliva e gli spicchi d'aglio; aggiungete la carne e fatela rosolare bene su tutti i lati a fiamma vivace, mescolando spesso.
Quando avrà preso colore, sfumate il tutto con un bicchiere abbondante di vino; in seguito salate, pepate e aggiungete il rosmarino.
Coprite con un coperchio e lasciate cuocere a fiamma dolce per circa 15-20 minuti, aggiungendo del brodo o un po' di acqua calda all'occorrenza.
Passato questo tempo aggiungete i pomodori pelati, mescolateli bene con la carne e lasciate cuocere, sempre con coperchio, per altri 10-15 minuti.
Servite ben caldo accompagnato dalla crescia o dalla torta al testo.