mercoledì 20 marzo 2013

Basilicata: frittelle di lampascioni

Cercando la ricetta di un antipasto tipico lucano ho trovato le frittelle di lampascioni.
I lampascioni?Cosa saranno mai?!Non li avevo mai sentiti nominare e come il mio solito ho cominciato a fare mille ricerche su internet (la notte non dormo se non assecondo la mia curiosità su ogni cosa!)..
Alla fine ho visto che altro non sono che delle piante erbacee di cui si mangia il bulbo, che sembra un cipollotto dal sapore amarognolo.
Non l'avevo mai visto né sentito perché è una pianta selvatica che cresce e viene mangiata quasi esclusivamente in Basilicata e Puglia, dove sembra essere molto usata.
In Basilicata i lampascioni si mangiano in padella, bolliti o fritti, a quanto pare sono molto apprezzati!Penso che dovrò assaggiarli anche io..
Intanto questa è la ricetta delle frittelle di lampascioni, se riuscite a trovare l'ingrediente principale provatele!

Frittelle di lampascioni

Ingredienti per 6 persone:
  • 500 gr di lampascioni
  • 2 uova
  • 30 gr di pecorino grattugiato
  • farina q.b.
  • birra q.b.
  • 1 spicchio d'aglio
  • prezzemolo
  • sale
  • olio di semi
Pulite bene i lampascioni dalla terra e levate la parte più esterna; metteteli a bagno per un'oretta, in modo che rilascino un po' del liquido che gli conferisce il sapore amarognolo.
Bolliteli in acqua salata per circa 30 minuti, scolateli e schiacciateli con una forchetta.
Preparate la pastella sbattendo le uova con il pecorino, un pizzico di sale, l'aglio e il prezzemolo tritati, poi aggiungete la farina e allungate con la birra.
Riscaldare abbondante olio di semi in una padella e versatevi l'impasto a cucchiaiate; fate cuocere da entrambi i lati finché le frittelle non saranno dorate.
Scolare bene le frittelle di lampascioni e adagiarle su carta assorbente.